Il primo boyfriend – Capitolo 2

Il primo boyfriend – Capitolo 2
Capitolo 2

Senza fiato arrivammo alla sala della riunione. Luca afferrò la maniglia della porta, ma gli tirai via il braccio: “Aspetta un secondo, riprendiamo fiato.” Lui accennò col capo, d’accordo, poi abbassò lo sguardo sulla mia mia mano ancora piantata sul suo bicipite ben abbronzato. Mi rivolse un sorriso e si chinò per piantare un dolce e troppo breve bacio sulle mie labbra.
Si voltò ed aprì la porta, io lo seguii. Ci fu un improvviso silenzio ed il signor Colli ci rivolse un’occhiataccia accusatoria. “Mi spiace signor Colli.” Cominciò Luca: “Eravamo all’allenamento di calcio e non avevamo l’orologio.” Io assentii mentre tiravo giù la manica per coprire l’orologio al mio polso: “Non ci siamo resi conto del tempo che passava.”
“OK, ragazzi, prendetevi un posto.” Guardai nella stanza e vidi che i posti erano tutti occupati eccetto due in fondo, mi diressi lì seguito dal mio nuovo amore. Quando passammo davanti al signor Colli, lui stese verso di noi ambedue le mani con una pila di carte per noi due. C’erano due posti per ogni banco e siccome si lavorava in gruppi, potevamo sederci vicini senza destare sospettati.
Avevo cominciato a guardare quello che ci aveva dato il signor Colli quando sentii una mano che strisciava sulla mia coscia. Guardai Luca come per dire ‘Cosa diavolo stai facendo?’ Lui lesse l’espressione sulla mia faccia e rispose con il solito ghigno diabolico. La mia espressione divenne più seria, il suo sorriso si smorzò e tirò via la mano.
Ripresi a guardare quanto ci era stato consegnando, ascoltando a metà quello che il signor Colli stava blaterando. Poi Luca ebbe la brillante idea di farmi il solletico su di un fianco, che è la parte del corpo dove lo soffro di più. Mi prese così di sorpresa che lanciai un grido ed una risata particolarmente forti.
Tutti si girarono e mi guardarono. Io divenni immediatamente rosso come un pomodoro.
“Lei trova qualche cosa di divertente in quello che sto dicendo?”
“Ummm… Mi spiace signor Colli!”, le parole uscivano con difficoltà: “Mi sono solo ricordato di una barzelletta che mi ha raccontato un mio amico.” Oh! La scusa più stupida che avessi mai inventato. Il mio imbarazzo ora era raddoppiato!
“Uh…hu…” Rispose paternalisticamente. “Bene se per lei va bene vorrei continuare. Qualche problema?” Scossi la testa mentre il sangue cominciava a defluire dalla mia faccia. Il signor Colli era sempre accondiscendente. Sapevamo tutti che puniva raramente. Aveva sempre detto che qualsiasi problema avessimo, poteva essere risolto per il meglio in classe. Era per questa ragione che tutti lo rispettavamo.

Luca ridacchiò ed io gli sparai un sguardo veramente truce. Lui tentò di guardarmi negli occhi e smise di ridere, ma smise solo per bisbigliare: “Andrea, mi spiace.” Poi scoppiò di nuovo a ridacchiare. Anch’io risi sottovoce; lui afferrò la mia mano con una delle sue e con l’altra la strofinò per tutto il tempo sorridendo.
Era così carino quando sorrideva. La sua faccia mostrava delle fossette ed il sorriso era così brillante. Io ero indifeso; mi innamorai di lui proprio in quel momento.
Alla fine lasciò andare la mia mano e strappò una pagina del suo quaderno. Prese una penna da dietro un orecchio e cominciò a scrivere. Dopo che ebbe finito fece scivolare il foglietto davanti a me. Io lessi:
Ecco il mio numero: 3558928, posso avere il tuo?
Sorrisi, presi la penna e scrissi:
34557221 Chiamami più tardi.
Lui lesse ed accennò col capo.

Andai a casa dopo la riunione e diressi subito verso la mia stanza mentre rispondevo alle solite domande: ‘Come è andata a scuola? Hai avuto una bella giornata? Hai dei compiti da fare?’ Quando arrivai nella mia stanza mi sdraiai sul letto e cominciai a pensare. Era accaduto tutto così rapidamente, avevo bisogno di riordinare le idee.
Ero ancora stupito di aver scoperto che anche Luca era gay. Non l’avrei mai detto. Ora che ci pensavo meglio, lui non aveva mai parlato di ragazze come tutti i ragazzi etero. Lui non si comportava eccessivamente o mostrando i caratteri maschili, come molti ragazzi etero che pensano di doverlo provare al mondo. Naturalmente non avevo mai pensato a qualcuna di queste cose.
Cominciai a chiedermi come mai sapeva che ero gay. Non era così evidente in me. Solo poche persone lo sapevano ed erano amici, amici di cui ero sicuro di potermi fidare. C’era il fatto che lui mi aveva sorpreso a sbirciarlo nella doccia, ma quello non diceva molto. Forse era bisex. Forse certe persone hanno un sesto senso. Chi lo sa?

Bir yanıt yazın

E-posta adresiniz yayınlanmayacak. Gerekli alanlar * ile işaretlenmişlerdir